Umbria

Se c’è un prodotto evocativo dell’immagine ambientale, turistica e produttiva dell’Umbria, è senz’altro la pianta dell’olivo.

Storia

In questi territori i primi a praticare l’olivicoltura furono gli Etruschi e molte città umbre gravitanti nell’orbita dell’antica Etruria si arricchirono e prosperarono proprio grazie alla produzione e commercializzazione dell’olio.

In seguito l’olivicoltura conobbe un forte sviluppo con l’espandersi della civiltà romana.

Nel I secolo d.C. la produzione di olio in Italia diminuì sensibilmente a causa della concorrenza a basso costo degli oli provenienti dalla Spagna e dell’Africa e anche l’Umbria risentì delle importazioni da altri paesi, con conseguente indebolimento del prodotto sul mercato dell’epoca. Con le invasioni barbariche poi, avvenne la completa distruzione delle tradizionali pratiche agricole e il grano, la vite e l’olivo furono soppiantate da altre colture.

Bisognerà attendere il Medioevo e le grandi congregazioni religiose per assistere a una ripresa parziale dell’olivicoltura. Il vero incremento però si ebbe a partire dal 1400 quando un decreto, che obbligava gli agricoltori a impiantare e innestare annualmente una quota di olivi, fece crescere la superficie olivicola fino a raggiungere la sua massima dimensione.

Nel XVI e XVII secolo si evidenzia invece un progressivo aumento del prezzo sia delle piante sia dei terreni con olivi, indice di un crescente interesse per la coltura.

Ma è nel 1800, grazie soprattutto a misure di incentivazione messe in atto dallo Stato Pontificio, che si ha un grande aumento della coltivazione dell’olivo, fino ad arrivare a oggi con una produzione regionale rapportata a quella nazionale si attesta intorno al 2%.

Dati Tecnici

La superficie agricola olivetata è di 27 mila ettari e corrisponde al 6,7% della superficie agricola utilizzata regionale, di cui una buona parte è in provincia di Perugia.

A tali superfici trova riscontro, nelle annate buone, una produzione di 100 mila quintali. L’attività antropica di carattere agricolo che si è sviluppata in questo contesto vede oggi sul territorio regionale 28 mila aziende produttrici, sono 213 i Frantoi altamente specializzati nella trasformazione

Presenti anche aziende leader nell’imbottigliamento e nella distribuzione.

Certificazioni e Varietà di Olive

Le cultivar principali sono la Dolce Agogia, Frantoio, Moraiolo, Leccino, Rajo e San Felice. Altre varietà minori sono le locali Pocciolo e Vocio presenti nei territori tra Assisi e Spoleto, la Tendellone nel ternano, la Correggiolo di Massa Martana, la Nostrale di Rigali e l’Orbetana a Gualdo Tadino, la Borgiona nell’Alto Tevere e la Bianchella di Umbertide nel Narnese.

L’Umbria è stata la prima regione italiana a ottenere l’istituzione di un marchio certificato, “Dop Umbria”, ai sensi del Reg. CE 2081/92.

Il disciplinare di riferimento prevede la suddivisione del territorio regionale in sottozone che si contraddistinguono per le cultivar prevalenti e per le proprietà organolettiche dell’olio d’oliva che ne deriva.

Le cinque sottozone, ovvero aree territoriali dove sono coltivate particolari varietà di olivo, sono:

  1.  I“Colli Amerini” costituiscono la più piccola delle sottozone,  dove i comuni più rappresentativi sono Amelia e Narni. La cultivar più caratteristica è il Raio, una pianta longeva e monumentale, che dà un olio dalle spiccate qualità aromatiche.
  2. I “Colli Orvietani” si estendono intorno al comune di Orvieto fino a comprendere Marsciano e Città della Pieve. Le cultivar prevalenti sono il Leccino è il Frantoio. L’olio di questa parte dell’Umbria si caratterizza per il grande equilibrio organolettico.
  3. I “Colli Martani” si collocano nella zona centrale dell’Umbria, intorno ai comuni di Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo e Bevagna. La cultivar caratteristica è la Dolce di San Felice, legata all’omonima abbazia benedettina.
  4. I “Colli del Trasimeno” abbracciano l’area dell’omonimo lago, l’alta Umbria e il l comune di Perugia. E’ caratterizzata da un’altra interessante cultivar autoctona, la Dolce Agogia.
  5. I “Colli Assisi Spoleto” è la più estesa e più difficile da coltivare ma anche una delle più suggestive da un punto di vista paesaggistico. Comprende i territori di Terni, Spoleto, Trevi, Spello e Assisi, arrivando fino a Gubbio. La cultivar più caratteristica è il Moraiolo, pianta esile ma che da frutti pregiati e ricchissimi di polifenoli.
Iscriviti alla nostra Newsletter

potrai ricevere notizie sul mondo dell’olio di qualità, ma anche novità e promozioni sui prodotti

Potrai annullare l’iscrizione in qualsiasi momento