gaia

Azienda Agricola Gaia

Regione: Abruzzo

Ragione Sociale: Azienda Agricola Gaia

Località: Città Sant’Angelo – Pescara

Contesto storico e nascita dell’Azienda

È il lontano 2006 quando Marina Isabella Lucchi decide di abbandonare il caos urbano per dedicarsi ai ritmi più lenti della campagna. Costruisce con suo marito una casa a Città Sant’Angelo, tra ulivi secolari. Ed è così che ha inizio l’avventura di quella che oggi è l’Azienda Agricola Gaia.

La signora Lucchi, sin da subito, diventa imprenditrice agricola e inizia a cimentarsi nell’olivicoltura per produrre il suo olio extra vergine di oliva. Sceglie il rispetto per la terra, non utilizza sostanze chimiche, e vive in sintonia con le pause e le attese della natura. Fa i suoi primi passi tra raccolte, file ai frantoi, assaggi. E scopre che quegli alberi abbandonati per molti anni, dopo nuove cure e attenzioni, rispondono regalando dei frutti pregiati.

Aumentano i terreni, se ne aggiungono di nuovi a Città Sant’Angelo e a Loreto Aprutino. Crescono così anche gli impegni e i sacrifici che ci sono dietro a un’attività artigianale, il cui prodotto viene condiviso con familiari e amici.

Dopo anni di rapporto esclusivo e solitario con i suoi ulivi, la signora Lucchi coinvolge nell’attività anche sua figlia, Giulia Grilli, che inizia a occuparsi del brand, del marketing, delle linee di produzione.

“Ci prendiamo cura di queste meravigliose piante per assicuraci che il nostro olio possa esprimere al meglio l’identità del territorio abruzzese”.

Giulia & Marina

Oliocentrica ha selezionato per Voi:

  • Olivia – Monovarietale & Dop
  • Levante – Blend
scopri i prodotti

Contenuti tecnici

A oggi l’azienda è in fase di conversione biologica e possiede sette ettari con seicento piante di ulivo tra Città Sant’Angelo e Loreto Aprutino.

Le varietà sono: Dritta, Leccino, Frantoio e Castiglionese.

Condizioni climatiche permettendo, la raccolta delle olive avviene con l’aiuto di abbacchiatori nel periodo di fine settembre-metà ottobre; entro le successive 12 ore vengono portate al Frantoio, a ciclo continuo a due fasi, di Claudio Di Mercurio a Penne – miglior Frantoio d’Italia nel 2019 secondo il Gambero Rosso.

Le linee di produzione sono due:

  • Olivia, monovarietale di Dritta con  la certificazione DOP Aprutino Pescarese. Nasce tra gli ulivi di Loreto Aprutino e racconta il territorio nella sua pienezza.
  • Levante, blend di Leccino, Frantoio e Castiglionese, con l’aggiunta di un po’ di Dritta. È l’espressione della campagna selvaggia di Città Sant’Angelo.

Nel 2020, in piena crisi pandemica, ma forti di un prodotto di alta qualità, Giulia e Marina fanno il loro primo ingresso nel Mercato di qualità e incrociano la strada di Oliocentrica che, per prima, e con grande onore, decide di rappresentarle.